Scheda del Corso

Controllo di qualità

  • Classe di Laurea: L-29 Scienze e tecnologie farmaceutiche
  • Tipo di corso: Triennale
  • Area didattica: Farmacia
  • Scuola: Scuola di Medicina e Chirurgia
  • Dipartimento: Dipartimento di Farmacia
  • Durata: 3 anni
  • Accesso al Corso: Libero
  • Coordinatore: Prof.ssa Rita SANTAMARIA (email: rita.santamaria@unina.it)
  • Sito Web: www.cdq.unina.it
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Farmacia
  • Obiettivi specifici:

    Il Corso di Laurea in Controllo di Qualità è finalizzato alla formazione di un laureato che abbia acquisito e sappia integrare competenze di tipo chimico, biologico e tossicologico per svolgere un ruolo tecnico nel controllo di qualità. Tale figura professionale risponde a precise esigenze di controllo chimico, biologico e tossicologico dei farmaci e dei prodotti salutistici, degli alimenti e dell'ambiente, avanzate dal mondo produttivo, dagli Organi di Controllo e dalle Strutture del Sistema Sanitario Nazionale. Infatti, a tutela della salute della popolazione e dell'ambiente, le legislazioni vigenti a livello nazionale e comunitario prevedono controlli di qualità sia nelle varie fasi della produzione, ivi compreso lo smaltimento dei residui, che sul prodotto finito la cui immissione sul mercato o sperimentazione clinica richiede l'autorizzazione del Ministero della Salute.Il CdS, coerentemente con gli obiettivi formativi qualificanti del decreto relativo alla classe di appartenenza (DM 16/03/2007, art. 3 comma 7), si propone di impartire agli iscritti una formazione articolata nelle seguenti attività: A.Formazione di base, impartita principalmente nel biennio, comune a tutti gli indirizzi e propedeutica all'insegnamento delle discipline professionalizzanti, consistente nell'acquisizione di nozioni fondamentali di matematica e informatica, fisica e statistica, chimica generale e chimica organica, biologia e fisiologia del corpo umano. B.Formazione caratterizzante in grado di fornire conoscenze e competenze indispensabili per lo specifico profilo professionale, articolata nei seguenti ambiti disciplinari: biochimica; microbiologia, chimica farmaceutica e tossicologica, farmacologia (farmacocinetica, farmacodinamica e tossicologia), metodologie analitiche per il controllo di qualità. C.Formazione ad elevato contenuto professionalizzante, specifica per ciascun indirizzo e finalizzata all'inserimento del laureato nel mondo del lavoro, che comprende anche una conoscenza diretta della realtà aziendale attraverso un tirocinio curriculare extramoenia. D.Corso di lingua inglese in grado di fornire una conoscenza della lingua adeguata nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali nella comunicazione internazionale. E.Attività informatiche in grado di fornire allo studente la capacità di utilizzare i principali strumenti informatici negli ambiti specifici di competenza.

  • Il corso di studio in breve:

    Il Corso di Studio in Controllo di Qualità prepara alle professioni di: Tecnici chimici Tecnici del controllo della qualità industriale Tecnici del controllo ambientale Il Corso di Studio si articola in tre indirizzi: Industriale-Farmaceutico Alimentare-Nutraceutico Tossicologico-Ambientale ed è finalizzato alla formazione di un laureato che abbia acquisito e sappia integrare competenze di tipo chimico, biologico e tossicologico per svolgere un ruolo tecnico nel controllo di qualità. Tale figura professionale risponde a precise esigenze di controllo chimico, biologico e tossicologico dei farmaci e dei prodotti salutistici, degli alimenti e dell'ambiente, avanzate dal mondo produttivo, dagli Organi di Controllo e dalle Strutture del Sistema Sanitario Nazionale. Infatti, a tutela della salute della popolazione e dell'ambiente, le legislazioni vigenti a livello nazionale e comunitario prevedono controlli di qualità sia nelle varie fasi della produzione, ivi compreso lo smaltimento dei residui, che sul prodotto finito la cui immissione sul mercato o sperimentazione clinica richiede l'autorizzazione del Ministero della Salute. Pertanto, le prospettive per le quali preparare gli studenti, che conseguiranno il titolo di studio, in termini di attività che potranno svolgere nei relativi ambiti professionali, sono le seguenti: - svolgere il monitoraggio delle varie fasi di produzione di farmaci, medicamenti, diagnostici, cosmetici, dietetici ed, in generale, di prodotti sottoposti ad autorizzazione da parte del Ministero della Sanità; - predisporre i protocolli operativi per l'attuazione delle norme di buona prassi di laboratorio di qualità (GOLP) e di buona pratica di produzione (GMP); - preparare medicamenti anche in dose unitaria e altri prodotti farmaceutici e diagnostici presso i laboratori galenici delle farmacie ospedaliere, delle officine galeniche autorizzate e dei laboratori di produzione in ambito industriale; - effettuare i controlli di qualità sulle materie prime e sui prodotti finiti per l'allestimento di terapie riconducibili alla produzione galenica clinica (nutrizione artificiale, terapie antiblastiche ed antalgiche personalizzate); - effettuare i controlli merceologici sui materiali sanitari e dispositivi medici utilizzati per la somministrazione dei farmaci galenici clinici; - gestire le specifiche attività di laboratorio per l'applicazione delle metodiche di controllo chimico e tecnologico, tossicologico e microbiologico previste dalle normative vigenti a livello nazionale, comunitario e, più in generale, a livello internazionale; - eseguire analisi chimiche e biologiche secondo gli standard di certificazione e di qualità; - predisporre protocolli di monitoraggio di sostanze inquinanti presenti nell'ambiente e di contaminanti negli alimenti. Il laureato in Controllo di Qualità ha la possibilità, a norma del D.P.R. 5.6.2001 n. 328, di sostenere l'esame di stato per l'iscrizione alla sezione B dell'Albo Professionale dei Chimici, che gli consente di svolgere tutte le attività di tipo chimico che implicano l'uso di metodologie standardizzate. Inoltre, il laureato in Controllo di Qualità può proseguire gli studi in diversi corsi di Laurea magistrale (CLM), tra cui, all'interno della Scuola di Medicina dell'Ateneo Federico II: • Scienze della Nutrizione Umana Classe LM-61, Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia • Tossicologia Chimica e Ambientale, Classe LM-75, del Dipartimento di Farmacia • Biotecnologia del Farmaco, Classe LM-9, Dipartimento di Farmacia

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per l'ammissione al Corso di Laurea in Controllo di Qualità si richiede il possesso di un Diploma di Scuola Media Superiore o altro titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto equipollente o idoneo. E' inoltre richiesto il possesso o l'acquisizione di una adeguata formazione iniziale in chimica, matematica, fisica e biologia. La valutazione dell'adeguatezza della preparazione personale dello studente sarà effettuata attraverso opportuni test di valutazione. Per gli studenti per i quali verrà riscontrata una preparazione personale scarsamente adeguata ad affrontare il percorso formativo, sono previste attività di sostegno e tutorato. Tali attività saranno coordinate dalla commissione orientamento e tutorato (COT) e, in particolare, dal docente tutor responsabile del primo anno; attraverso l'accesso alle risorse finanziare dell'Ateneo (assegni di tutorato) saranno disponibili tutors qualificati per queste attività.

  • Orientamento in ingresso:

    Tra gli organi di gestione del CdS c'è la Commissione per l'Orientamento e Tutorato (COT) che programma e realizza le attività di orientamento in ingresso, in itinere ed in uscita. Essa svolge la sua attività al fine del raggiungimento dei seguenti obiettivi fondamentali: a) ridurre gli abbandoni al primo anno di corso; b) ridurre la differenza tra durata effettiva e durata nominale del corso di studi; c) facilitare l'inserimento nel mondo del lavoro. Le attività svolte nell'ambito dell' orientamento in ingresso riguardano: 1) informazioni a studenti, famiglie e scuole, finalizzate a favorire la conoscenza del CdS e, in particolare, a illustrare gli obiettivi formativi del CdS e le sue prospettive occupazionali. 2) attività propedeutiche all'accesso al CdS per favorire il possesso dei requisiti di adeguatezza culturale necessari per affrontare il percorso formativo Inoltre, all'inizio dei corsi del I semestre il Coordinatore del CdS illustrerà in Aula agli studenti del I Anno il percorso formativo, le strutture ed i servizi a disposizione degli studenti, i referenti per problemi didattici, logistici, ecc.

  • Prova finale:

    La prova finale per il conseguimento della Laurea in Controllo di Qualità consisterà nella presentazione e discussione di un elaborato scritto sotto la guida di un docente relatore e di un tutore dell'Azienda/Ente presso cui lo studente ha svolto il tirocinio. L'argomento dell'elaborato riguarda l'attività svolta dallo studente durante il tirocinio inerente i diversi aspetti del controllo di qualità. Il voto di laurea sarà determinato dalla Commissione tenendo conto: A) della brillantezza dell'esposizione e l'impegno profuso nella preparazione del lavoro di tesi; B) del giudizio espresso dai tutori universitario e aziendale; C) del curriculum accademico dello studente (media delle votazioni conseguite nei singoli esami espressa in centodecimi e il conseguimento del titolo nei termini di legge). La votazione di 110/110 può essere accompagnata dalla lode per voto unanime della Commissione. Per potersi prenotare alla prova finale l'ultimo esame di profitto deve essere superato almeno venti giorni prima della seduta di laurea per la quale lo studente fa richiesta

  • Servizi Aggiuntivi:
    • Biblioteca di Area Farmacia: via D. Montesano, 49 Napoli
    • Biblioteche di Dipartimento